header blog news cavigar

29 gennaio 2019

Pasta, frutta secca, dolci, ma anche vino, pesce, carne, legumi, verdure: la mappa aggiornata delle imprese biologiche che possono fregiarsi del bollino verde “bio”, nei primi nove mesi del 2018, segna un incoraggiante aumento di oltre il 13 per cento.

Sono 4500 le nuove Bio-imprese italiane che portano ad oltre 62 mila il totale delle imprese del settore che operano nel nostro paese. Una moda passeggera? I numeri lo smentiscono categoricamente: delle oltre 62 mila aziende certificate censite a settembre 2018, il 43,5% - oltre 27 mila - sono state certificate solo negli ultimi quattro anni.

Più della metà (il 55,3%) delle imprese certificate si concentra in cinque regioni: Sicilia (14,1%), Calabria (13,9%), Puglia (11,3%), Emilia Romagna (8,6%) e Toscana (7,5%). La maggioranza produce al Sud (il 54,1%), il doppio di quelle con sede al Nord (il 25%) e quasi tre volte quelle del Centro Italia (il 20,9%).

Quasi 3 imprese su 4 sono individuali, mentre per il 9,8% si tratta di società semplici. Soltanto l’8,4% è costituito in società a responsabilità limitata e soltanto il 2,2% in cooperativa. Alta la governance femminile nelle imprese bio: il 28,7% delle titolari è donna e, di questa fetta importante, l’11,4% è costituito da giovani under 35.